CIAO FABIO.

IN RICORDO DI FABIO MAURI.
MAESTRO ROMANO DELL’AVANGUARDIA ITALIANA.

Un Amico. Un maestro, un grande artista ci ha lasciato.

Mauri fotografato da Giorgio Colombo

Fabio Mauri
fotografato da Giorgio Colombo

L’artista romano Fabio Mauri, uno dei maestri dell’avanguardia italiana del secondo dopoguerra, e’ morto ieri a Roma all’eta’ di 83 anni. Era anche presidente della Messaggerie Libri, il piu’ importante distributore italiano di prodotti editoriali. E’ stata tuttavia la sua storia artistica a rendere famoso Fabio Mauri, la cui vicenda parte dalla scuola di Piazza del Popolo con Mario Schifano, si volge all’ambito dello sperimentalismo del Gruppo 63 di Umberto Eco, Edoardo Sanguineti e Angelo Guglielmi con la fondazione della rivista ‘Quindici’ (1968) e si afferma negli anni Settanta con una serie di operazioni – installazioni, performances, libri d’artista – che affrontano vicende e problemi della vita sociale del paese.

Così lo ricorda Roberto Falco ex allievo del corso di Estetica; ex performer a Prato, Roma e L’Aquila; assistente per un breve periodo.

Continua a leggere

QUANDO INIZIA L’ARTE CONTEMPORANEA?

Il giorno in cui Marcel Duchamp, con lo pseudonimo di R. Mutt, espone a New York un orinatoio rovesciato col titolo Fontana.

duchamp
È il 1917, l’anno della rivoluzione d’Ottobre. Secondo il filosofo Jean-Luc Nancy, Duchamp compie in questo modo un gesto di rottura con la stessa arte moderna, gesto decisivo e complesso: “questa è arte” “che non ha nulla in comune con nessuna delle creazioni di forme artistiche conosciute”.
Continua a leggere