III Edizione Festival Apertamente: Connessione e reti


Il Festival artistico multidisciplinare Apertamente 2012 in memoria di Raffaella D’Arcadia,, organizzato dall’Associazione Culturale Il Laboratorio è giunto alla sua terza edizione. L’evento apre i battenti il 07 Agosto con il vernissage della mostra d’arte contemporanea dal titolo Il Pop Surrealism in rete, dagli U.S.A all’Italia in tempo reale curata da Andrea Oppenheimer e terminerà il 14 Agosto. Quest’anno il tema proposto dagli organizzatori ha il titolo Connessione e reti.

Il progetto nasce nel 2009 come evento di carattere culturale e sociale e prende vita nel cuore dell’importante centro storico di Pescina (AQ), terra natale, tra gli altri dell’umanista Paolo Marso, dell’artista Giovanni Artusi Canale detto il Pescina, allievo del Bernini, dello scrittore Ignazio Silone e di altri personaggi storici di rilievo quali il Cardinale Mazzarino. L’evento, il cui obiettivo è quello di valorizzare il territorio con l’arte, è pensato come un insieme di attività artistiche all’interno di un contesto di alto valore storico-artistico dotato di strutture quali il Teatro San Francesco e Palazzo Palladini – Biondi. Data la peculiarità del tema proposto quest’ anno, l’organizzazione ha deciso di dare alla manifestazione una struttura che trasmetta fisicamente l’idea di rete attraverso una serie di esposizioni ed eventi non più raccolti in un unico luogo, ma dislocati in vari punti del paese, in modo da trasformare il borgo Pescina in una grande galleria. Nell’ambito del Festival sono previste diverse  sezioni: arte contemporanea, teatro, musica, film e poesia. Di rilievo è la mostra d’arte dal titolo Il Pop Surrealism in rete, dagli U.S.A all’Italia in tempo reale curata da Andrea Oppenheimer con gli artisti Dilka, Ania Tomicka, Bafefit, Paolo Petrangeli ed Erica Calardo.

Tra gli eventi in programma si segnala il giorno 13 Agosto alle 21:15 al Teatro S. Francesco la rappresentazione in verso libero Carnem levare il cammino di Dimitri Ruggeri con Corrado Oddi e il film di Haydir Majeed.  

L’evento è altresì parte integrante del programma ufficiale della  Giornata Commemorativa di  Ignazio Silone organizzata dalla Città di Pescina (AQ e dal Centro Studi Ignazio Silone.

> la scheda informativa dello spettacolo
> la locandina 

A breve sarà disponibile il programma di dettaglio delle giornate. Gli aggiornamenti sono disponibili diventando fan della pagina ufficiale di Facebook (Apertamente Duemiladodici).

Comunicato stampa della mostra d’arte
Il Pop Surrealism in rete, dagli U.S.A all’Italia in tempo reale
di Andrea Oppenheimer
Siamo orgogliosi di presentarvi nella splendida cornice di Palazzo Palladini-Biondi le opere di cinque giovani artisti che dall’Italia stanno scalando il sistema dell’arte unendo le connessioni reali e usuali con gallerie e musei italiani a quelle virtuali, con artisti, galleristi e ammiratori in tutto il mondo: Dilka, Ania Tomicka, Bafefit, Paolo Petrangeli ed Erica Calardo. Il tema “Connessioni e reti” è significativo per lo sviluppo del Pop Surrealism, corrente culturale ed artistica che da qualche anno anche in Italia fa tanto parlare di se. L’attenzione a questo movimento, nato negli Stati Uniti ed oggi celebrato in gallerie e musei in tutto il mondo, è partita “dal basso” ed è proprio grazie alle connessioni possibili attraverso la rete web che si è inserito in un ambiente – quello dell’arte in Italia- piuttosto difficile da raggiungere per degli “americani pieni di tatuaggi che dipingono pupazzi”, come sono stati definiti dalla cultura d’élite. Ma il Pop Surrealism, che nasce alla fine degli anni ’70 e si concretizza come movimento soprattutto negli anni ’90 in America, vede la sua prima definizione proprio nel termine LowBrow, in opposizione all’ Hi Brow come sinonimo di snobismo, che caratterizza il sistema dell’arte. E’ stata l’esposizione mediatica dal basso a rendere questa corrente famosa e a divulgarla: cover di dischi, poster e locandine di concerti e festival, azioni illegali su suolo pubblico, il visionario intuito di alcuni galleristi californiani e lo sviluppo sociale di internet alla fine degli anni ’90, sono i principali ingredienti della divulgazione del Pop Surrealism. Ma se le tematiche affrontate dal movimento non fossero state immediatamente riconoscibili ed accessibili a livello semantico per un pubblico vasto, che spesso non si era mai avvicinato al mondo dell’Hi Brow, questo successo non sarebbe statopossibile. L’immaginario collettivo rappresentato è ricco di icone della nostra infanzia e adolescenza, quando non sapevamo di essere già dei target commerciali studiati dalle multinazionali. Gli scenari rappresentati sono ricchi di apparenti contraddizioni, di specificità hollywoodiane e di gigli fiorentini. Il ritorno al piacere della tecnica più raffinata utilizzata per rappresentare il quotidiano, vedrà il banale che si tinge di surreale in un panorama reale ed impossibile al tempo stesso. Il Pop Surrealism è l’unico movimento che racchiude le peculiarità dell’immediato, attraversa il significato squarciando il significante, in un perfetto seppur apparentemente impossibile connubio tra realtà e sogno. E’ grazie alla rete ed alla condivisione in tempo reale di immagini e pensieri, che non può essere relegata a sottocultura ciò che è, di fatto, accessibile a tutti come contenuti e riferimenti concettuali di critica e sarcasmo nei confronti della società di massa (che è ciò che ha storicamente definito l’arte libera). Quest’anno, nella splendida cornice di Palazzo Palladini-Biondi, presentiamo cinque artisti che rappresentano il progetto Italian Pop Surrealism a cura di Andrea Oppenheimer per la Mondo Bizzarro Gallery, che racchiude il meglio della produzione italiana di questa corrente. Le loro esperienze dirette e le loro opere sono il miglior esempio di come oggi stiamo assistendo e partecipando ad una vera rivoluzione culturale: l’accelerazione dei tempi di condivisione generati dalla rete web e la facilità con cui artisti di ogni parte del mondo possano conoscersi e scambiarsi immagini, consigli, esperienze ed ulteriori nuove conoscenze. Lo scambio è, per la prima volta, a tutti i livelli.

Info in breve:
Presentazione progetto e Vernissage mostra d’arte: 07 Agosto – ore 17:00
Periodo espositivo: 07 – 14 Agosto
Luogo: Palazzo Palladini – Biondi di Pescina (AQ)
ingresso libero

Contatti:
email: laboratorio_2010@libero.it – daniele@3dlabs.it
t: (+39) 333.34.828.77


galleria eventi, viedo art, interviste, trailer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...