Buon 2010 e Viva l’Italia! Un Augurio che si può formulare.


A tutti coloro che ci seguono, che hanno lavorato con noi. A tutta la Scuderia Artisti che già hanno usufruito dei nostri servizi. Allo staff di POPact sempre attento e in continnua evoluzione e a chi per caso leggerà questo post, la redazione di POPact con questa opera di Gianni Motti, (una surreale e felliniana pioggia di euro esposta in occasione della mostra Viva l’Italia – Galleria Astuni di Bologna), augura a voi tutti una concreta ripresa che tutti in realtà attendono come primo desiderio per il nuovo anno.

Viva l’Italia.
Bologna, Galleria Enrico Astuni
02 ott 09/ 09 gen 2010

In tempo di crisi le gallerie più intraprendenti si impegnano nella ricerca. È così che nasce Astuni Public Studio, un progetto col quale la Galleria Enrico Astuni a partire da ottobre 2009, nel suo nuovo spazio inaugurato lo scorso gennaio a Bologna, presenta una serie di iniziative curate da alcuni dei migliori critici italiani e stranieri: una proposta che non ha fini diretti di mercato, ma punta ad indagare nuove modalità espositive e di comunicazione dell’arte.
Viva l’Italia è il titolo della prima mostra del ciclo curata da Fabio Cavallucci, che si inaugura il 2 ottobre 2009 alle ore 18, con opere provenienti da collezioni private e importanti gallerie, o in alcuni casi prodotte specificamente per l’occasione. Viva l’Italia non è propriamente una mostra di carattere critico, tesa ad indagare una logica di sviluppo storico-artistico, ma attraverso l’accostamento di opere di artisti di diversa provenienza culturale e stilistica intende rappresentare un’atmosfera: l’atmosfera incerta e sospesa del nostro paese. In un display che coinvolge anche il tempo, oltre che lo spazio, con una successione di immagini e suoni, l’Italia viene evocata attraverso le sue simbologie, i suoi miti, le sue paure, tra segni di decadenza, sentimenti di nostalgia, precari elementi di novità. Prende vita un caleidoscopio di emozioni da cui emerge l’immagine di una nazione sfocata, incerta, di cui restano solo brandelli, anche della sua stessa storia.

Un’Italia all’asta di Luciano Fabro apre, in senso storico, la meditazione sul nostro paese, tra riferimento iconografico e critica politica. Il lavoro di Maurizio Cattelan ci riconduce agli anni del terrorismo e al suo sogno rivoluzionario. Gian Marco Montesano, che ha sempre raccontato la storia italiana attraverso una pittura evocante l’illustrazione d’epoca, questa volta tocca la questione della Chiesa: un vascello periclitante in mezzo a una tempesta, secondo il sogno di Don Bosco. Marcello Maloberti gioca con il concetto di italianità attraverso un simbolo come la granita, colorata per l’occasione di verde bianco e rosso. Lo svizzero di origine italiana Costa Vece espone una bandiera realizzata con indumenti sdruciti. Leonardo Pivi presenta delle copertine di riviste in cui campeggiano personaggi famosi della nostra attualità politica, tradotti in una tecnica antica come il mosaico.

  • Sei un artista? Hai una azienda o un’ associazione?

Richiedi i nostri servizi clicca qui
Per promuovere con un banner le tue attività clicca qui
Per acquistare le opere edite della scuderia artisti clicca qui

A creare la suggestione di un paese diviso e frammentato concorrono i suoni. L’Epimeteide, il gruppo vincitore lo scorso anno del Premio Internazionale della Performance a Trento, ripropone in versione “home” la performance vincitrice, in cui tra le note del Nabucco prorompe il grido di rivolta che eccitava i cospiratori per l’unità d’Italia. Cesare Pietroiusti mostra il video di una performance in cui canta alternativamente Giovinezza e Vinceremo. Rossella Biscotti registra un rito rave nomadico, in cui la meccanica delle succesioni (passaggio della polizia, camion con la musica, pulizia delle strade) racchiude l’evento in un contesto senza senso, mentre Sislej Xhafa, artista kosovaro di lunga attività in Italia, fa cantare l’inno nazionale italiano a una ragazza magrebina. L’Italia non è più solo un paese di italiani, ed è giusto far emergere anche gli intrecci culturali di cui siamo ormai parte: il rumeno Daniel Knorr e il croato Nemanja Cvijanovic offrono con nuove produzioni un punto di vista esterno sulla nostra nazione. Sicuramente forte, ma non rivelato fino all’ultimo, è infine il messaggio dell’azione di Gianni Motti, che spesso interviene nei contesti pubblici con performance di valenza politico-sociale.

Tutto è pervaso da un’aria malinconica, talvolta cinica, propria di un paese che sembra non avere più carattere e finalità. Viva l’Italia è una mostra struggente, che vuol fare meditare e discutere, più che offrire un punto di vista univoco.

Completa l’esposizione il Corriere d’Italia una pubblicazione in formato giornale sul tema dell’Italia, della sua storia e del suo futuro con cui si confrontano: Rocco Buttiglione, Christian Caliandro, Nando Dalla Chiesa, Giovanni De Mauro, Giancarlo Mazzuca, Giorgia Meloni, Marco Pannella, Irene Tinagli, Lucio Villari, Antonio Negri, Luca Rossi, Pierluigi Sacco, Edoardo Sanguineti e Gian Antonio Stella. Le interviste sono realizzate da critici e curatori italiani quali: Anna Daneri, Giacinto Di Pietrantonio, Silvia Grandi, Emanuele Guidi, Davide Ferri, Matteo Lucchetti, Alberto Mugnaini, Fabiola Naldi, Cristina Natalicchio, Francesca Pasini, Alessandra Pace, Michele Robecchi, Pietro Spataro, Roberta Tenconi.
Info Visitatori:
http://www.galleriaastuni.it

Edito da:
redazione.popact


galleria eventi, viedo art, interviste, trailer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...