L’AQUILA. Il medioevo in frantumi


La redazione mette a disposizione questo spazio per qualsiasi evenienza.

cattedrale di Santa Maria del Suffragio - terremoto L'Aquila

L’Aquila – 6 Aprile 2009, ore 3,31 am

L’Aquila unica nel Medioevo italiano, nata non per una casualità ma per progetto secondo un disegno armonico che non trova precedenti nella storia dell’architettura urbana, questa notte è stata quasi devastata da un terribile terremoto.

tenda - croce rossa

Perché si verifica un terremoto?
Si può prevedere un terremoto?
Che differenza c’è tra Intensità e Magnitudo?
Quanto dura un terremoto?
A cosa si può attribuire la causa delle scosse che si verificano nell’Adriatico? In che senso l’Africa “spinge” verso l’Italia?
Esiste una correlazione tra fattori climatici e scosse telluriche?
Che cosa sono i sismografi?
Perché l’Italia è considerata ad alto rischio sismico?
Chi era Giuseppe Mercalli?
Chi era Charles Francis Richter?
Quanto sono sicuri gli edifici in cui viviamo?
Qual è la differenza tra un edificio costruito con sistemi antisismici ed un edificio normale?
Quanto costa in più costruire un edificio secondo criteri antisismici?
E’ possibile intervenire sugli edifici esistenti per renderli sicuri in caso di terremoto?
Un edificio costruito nel rispetto della normativa antisismica subisce danni in caso di terremoto?
E’ possibile sapere se l’abitazione in cui si risiede è sicura?
Chi si chiama se reputo l’edificio dove abito pericolante?
A chi ci dobbiamo rivolgere per conoscere i piani di protezione civile a livello locale?

…tutte le risposte ed ulteriori consigli utili su:
Terremoti – Quaderni Protezione Civile.pdf

terremoto l'aquila

Epicentro del terremoto è stato Paganica.

Paganica sorse negli anni della Roma repubblicana in quel territorio dove recenti studi archeologici segnano il confine tra i due popoli italici, Sabini e Vestini, presenti nella conca tra le catene del Gran Sasso e del Velino Sirente. Nel suo territorio, nei secoli successivi, si snodava la Claudia Nova, via che dalla spendida città sabina di Amiternum – patria di Caio Crispo Sallustio “primus in historia” – congiungeva la città vestina di Peltuinum e quindi Aufinum (Ofena), nei cui pressi circa 70 anni fa veniva rinvenuta la statua in pietra di Nevio Pompuledio (VI secolo a.C.), meglio nota come Guerriero di Capestrano, fino a congiungersi con la Tiburtina Valeria e l’Adriatico.

protezione-civile-laquila

Un SMS di solidarietà per le popolazioni colpite dal terremoto.
Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia, hanno attivato il

numero solidale 48580

L’iniziativa nasce d’intesa con il Dipartimento della Protezione Civile.
– Ogni SMS inviato contribuirà con 1 euro
– Chiamando invece lo stesso numero da rete fissa si doneranno 2 euro

Il ricavato sarà interamente devoluto al Dipartimento della Protezione civile per il soccorso e l’assistenza.

.:.

  • Il volo dell’Aquila (fonte: Haydir Movie, Marco Riccardi)

.:.

  • Corso per Animatore del sorriso

CLOWN THERAPISTS: Dopo una interruzione di alcuni mesi delle attività condotte dai nostri Clown Volontari presso il reparto di Pediatria dell’Ospedale di Avezzano, intendiamo riprenderle al più presto continua a leggere

.:.

  • Commenti. Testimonianze. Solidarietà > RISPOSTE URGENTI >>

16 thoughts on “L’AQUILA. Il medioevo in frantumi

  1. Ciao a tutti,
    in questo dramma che ha colpito il capoluogo d’abruzzo rimango addolorato nella mia pochezza di intervenire poichè lontano dal posto ma voglio, forse per sentirmi meglio, riscrivere quanto ho appreso dall’ansa un gesto eroico come trasmissione di coraggio e serenità per tutti coloro che stanno operando in questo momento.

    L’ultima meta del rugbista Pallotta, salva un’anziana.

    Come da manuale del rugby è tornato indietro per poi riandare avanti. Stavolta non con l’ovale in mano per cercare di superare la linea avversaria, ma con un’anziana (e relativa bombola d’ossigeno) sulla spalle. L’ultima meta di Andrea Pallotta, 23enne estremo dell’Aquila Rugby, è la più bella: nel dramma del terremoto ha cercato di “placcare” la malasorte salvando prima una donna, poi il marito dopo aver sfondato a spallate la porta di casa loro. La sua, di abitazione, Pallotta l’aveva persa poco prima (“é totalmente inagibile”), ma non era il momento di stare a pensarci.

    Francesco.

  2. Posso ospitare (Ceccano -FR- due ore da Aquila) due o tre bambini/ragazzi per un paio di settimane o comunque per il tempo necessario al superamento delle prime emergenze.

    Gli metto a disposizione una delle stanze dei miei bambini e tutta la nostra solidarietà.

    Posso eventualmente andare a prenderli passando per Sora Avezzano.

    Forza! gianluca@gianlucalombardi.it
    331 3621762

  3. Per offrire disponibilità, l’udu sta cercando posti letto: chi è disponibile può chiamare lo 0643411763 o scrivere a organizzazione@udu.it

    Per volontari da tutta italia: telefonare allo 06.68201

    Per volontari da Pescara: telefonare al Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara 085.2057627 (lasciare nome, cognome e cellulare)

    Gli ospedali dell’Abruzzo sono a corto di sangue, chi vuole donare sangue può farlo presso l’ospedale di pescara: Dipartimento di Medicina Trasfusionale PO “Spirito Santo” Via Fonte Romana 8 – 65124 Pescara Telefono 0854252687. Oppure ci si può rivolgere agli altri ospedali abruzzesi.

    Diffondete le notizie il più possibile!

  4. TG1 SENZA vergogna.

    L’ho sentito anch’io e ne sono rimasto disgustato! Il terremoto come spettacolo, gratis vittime comprese. Orripilante. Purtroppo la televisione è questo.
    Enrico

  5. Emergenza Terromoto: Gli operatori di telefonia mobile TIM, Vodafone, Wind e 3 Italia, d’intesa con il Dipartimento della Protezione Civile, hanno attivato la numerazione solidale 48580 (1 € ).

  6. Le radio e le tv stanno annunciando che su Facebook ed altri network molti contocorrenti di donazioni in favore della popolazione colpita dal sisma sono falsi. Cercano di derubare. Spediamo soldi solo sui CC indicati nei vari TG per evitare che altri animali ne approfittini

  7. vanno in giro falsi tecnici civili che si fanno aprire la porta x vedere se le case hanno lesioni…AD AVEZZANO NON è STATA DATA QUESTA DISPOSIZIONE…NON APRITE A NESSUNO CHE SI SPACCIA X PERITO CIVILE

  8. A mio titolo personale sto tentando di aiutare il Comune di Paganica (dove ho amici) e loro mi chiedono cio’ di cui hanno realmente bisogno.
    Raccolgierò le vostre offerte e mi appresto a portare il tutto di persona.

    Siamo in fase di raccolta viva in via Trara 84, Avezzano
    Per la lista precisa chiama il (+39) 338 83 85 622. Gina Frejaville

    * Non raccolgo soldi.
    Grazie.

  9. I MORTI CHE NON VI DICONO

    Il centro storico dell’Aquila è da abbattere e ricostruire. E questo lo dicono in tanti. I morti, i feriti e gli sfollati sono stati contati, più o meno precisamente.
    E questo lo dicono tutti.

    Adesso vi dirò qualcosa che non dice nessuno.

    Gli scantinati e i seminterrati del 90% del centro storico erano stati affittati. In nero. Dentro c’erano clandestini, immigrati, extracomunitari. Ammassati come bestie. Ci sono ancora. Centinaia di persone che non risultano all’anagrafe, che non compaiono nelle liste dei dispersi, che non esistono. I proprietari delle case che si sono messi in salvo non ne denunciano la presenza. Non gli conviene. Nessuno li cerca. Nessuno li piange. Da vivi non esistevano, non esistono neppure da morti. Spazzati via di nascosto, come la polvere sotto al tappeto. In fondo, perchè darsi tanta pena per loro? Una tomba ce l’hanno già. E questa volta non gli è costata niente. Gliel’abbiamo data gratis.

    All’Aquila sono in molti a saperlo. Ora, lo sapete anche voi.

  10. Ho sentito che 50% delle edifici sono rovinate. Ho sentito che L’Aquila “is built on a fault line”…mannagiaaaaaa

    MA?!

    E’ terrificante! Che paura! Che trageria per le gente che erano vicino la morta e per quelli che hanno perso famiglia…Sta scritta 100 persone morte…100,000 sensa casa.

    La vita e’ un casino!!! Non si sa mai cosa sta aspettarti (around the corner).

    MA?!!!

    Sorpresi.

    LE terremoti sone tremende!…Scioccante…

    Qui non esiste, ma invece abbiamo hurricanes and tornadoes…

    Si, ho capito la problema di sopra populazione nel mondo…ma …scusa …non e’ giusto!!!

    Non va bene vivere sopra “fault lines”.

    Mi dispiace.

    Abbracci
    Kellie
    (University of Florida – Gainesville US)

    *I hope see you guys soon like last time.

  11. Passata l’emergenza più incombente, quella legata alle vite umane dopo il tremendo sisma che ha colpito L’Aquila e l’Abruzzo, si passa ai resoconti dei danni. Che ovviamente, come più volte detto, purtroppo hanno riguardato pesantemente anche il patrimonio artistico e monumentale della regione. In proposito, il Ministro per i beni culturali, Sandro Bondi, ha presentato oggi – durante il Consiglio dei Ministri tenutosi proprio nelle zone colpite – la lista dei quarantaquattro monumenti, gravemente danneggiati dal sisma, tutti da restaurare con la massima urgenza. La riportiamo qui di seguito, in attesa di conoscere le modalità attuative e le priorità degli interventi.

    1 Cattedrale e Palazzo Arcivescovile (piazza Duomo)
    2 Complesso Monumentale e Basilica di Santa Maria di Collemaggio
    3 Complesso Monumentale e Chiesa di Santa Giusta (piazza s. Giusta, L’Aquila)
    4 Complesso Monumentale e Chiesa di San Pietro a Coppito (piazza s. Pietro, L’Aquila)
    5 Complesso Monumentale e Chiesa di Santa Maria Paganica (L’Aquila)
    6 Complesso monumentale e Chiesa di San Marciano (piazza s. Marciano, L’Aquila)
    7 Complesso Monumentale e Chiesa di Santa Maria del Suffragio detta delle Anime Sante
    8 complesso monumentale e Chiesa di San Biagio d’Amiternum (via Sassa, L’Aquila)
    9 Complesso Monumentale e Chiesa di San Marco (piazza della Prefettura, L’Aquila)
    10 Complesso Monumentale e Monastero della Beata Antonia
    11 Complesso Monumentale e Chiesa di San Silvestro (piazza s. Silvestro, L’Aquila)
    12 Complesso Monumentale e Chiesa di San Domenico (piazza San Domenico, L’Aquila)
    13 Complesso Monumentale e Chiesa di Sant’Agostino
    14 Fortezza Spagnola
    15 Complesso monumentale e Chiesa di San Bernardino
    16 Convento agostiniano o Palazzo della Prefettura
    17 Palazzo Ardinghelli
    18 Palazzo Branconi
    19 Palazzo e Torre di Madama Margherita (sede municipale)
    20 Palazzo della Biblioteca (quattro cantoni)
    21 Palazzetto dei Nobili
    22 Teatro Comunale
    23 Palazzo Carli (Rettorato Università dell’Aquila)
    24 Museo di Santa Maria dei Raccomandati
    25 Palazzo Persichetti
    26 Oratorio di Sant’Antonio da Padova
    27 Chiesa di Santa Maria del Soccorso
    28 Chiesa di Santa Maria di Roio
    29 Palazzo Quinzi
    30 Area archeologica di Amiternum
    31 Chiesa e Catacombe di San Michele a San Vittorino
    32 Chiesa di Santa Maria della Misericordia
    33 Palazzo Alfieri (via forte braccio)
    34 Chiesa e Oratorio di San Filippo
    35 Complesso Monumentale e Chiesa di San Gregorio Magno
    36 Chiesa della Concezione a Paganica
    37 Chiesa di San Giusta (Bazzano)
    38 Complesso Monumentale e chiesa di Santa Maria della Croce (Santuario di Roio)
    39 Chiesa di Santa Maria ad Cryptas (Fossa)
    40 Abbazia di Santa Lucia (Rocca di Cambio)
    41 Torre Civica di Santo Stefano (Santo Stefano di Sessanio)
    42 Complesso Monumentale e chiesa di San Clemente a Casauria (Castiglione a Casauria)
    43 Badia Morronese (Sulmona)
    44 Chiesa di S. Esaunio (S. Eusanio Forconese)

  12. Asta a favore del recupero di opere d’arte danneggiate dal terremoto del 6 aprile 2009

    La Fondazione Venanzo Crocetti ringrazia, per la preziosa collaborazione, Ricky di Sabatino, Roberto Profeta, Enrico Fornello e tutti gli artisti, le gallerie ed i collezionisti che hanno donato una loro opera.

    Ringrazia inoltre gli sponsor che, coprendo tutte le spese per l’organizzazione, hanno reso possibile la destinazione dell’intero ricavato dell’asta al recupero di preziose opere d’arte danneggiate dal terremoto.

    Sfoglia il catalogo artisti: clicca qui
    La prima asta sarà battuta a Roma, a Palazzo Massimo Lancellotti a P.zza Navona, il 25 giugno p.v., a cura della CHRISTIE’S di Londra.

  13. In Risposta a:
    TG1 senza vegogna del 7 Aprile 2009 – Edizione delle 13:30

    La RAI, centro di parassiti raccomandati, non si smentisce mai… fanno ribrezzo… sono dei veri avvoltoi di una comunicazione di massa stereatipa, acritica, opportunistica, vera audience solo con le scatole piene di euro, asservita ai partiti… e tutto questo con i nostri soldi!!!

    link correlati:
    I metodi piu’ comuni per estorcere il canone e come difendersi
    http://tlc.aduc.it/rai/comunicato/metodi+piu+comuni+estorcere+canone+come+difendersi_15734.php

    Se la Rai, il Governo ed il Parlamento non rispettano le leggi, perche’ dovrebbero farlo gli utenti della Rai continuando a pagare il canone-imposta sulla tv quando sono le istituzioni per prime a violare la legge.
    Ecco l’elenco di alcune delle violazioni piu’ eclatanti che riguardano la tv di Stato:
    http://tlc.aduc.it/rai/comunicato/campagna+dell+aduc+disdici+canone+rai_14572.php

    Modulo per la disdetta del canone Rai:
    http://sosonline.aduc.it/modulo/disdetta+del+canone+rai_24.php

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...