Mostra>evento: OGGETTINSTABILI\2 – MOTI URBANI STAZIONIMPOSSIBILI


moti-urbani

OGGETTINSTABILI\2

MOTI URBANI
STAZIONIMPOSSIBILI
dal 6 al 20 giugno 2009
info@400kc.euwww.400kc.ue
carlo carlei 338.3985193 > caterina misuraca 339.5837077

Lamezia Terme CZ /come raggiungerci

CASUS BELLI

Dal mare alla terra. Dopo l’esperienza straordinaria di PONTILELAMEZIA NUOVE IPOTESI guardiamo alla città. Tutta Lamezia Terme! Un’intera città che ci appare IMMOBILE. Ferma e stanca. Paradossalmente un OGGETTOINSTABILE TROPPO STABILE.

…è ora di moti urbani!!!

STAZIONIMPOSSIBILI

C’è una città con TRE centri – Lamezia Terme – e ci sono tre STAZIONI! Per essere precisi QUATTRO! Una a Nicastro – l’altra a Sambiase – l’altra a Sant’Eufemia e poi una a San Pietro Lametino, la zona industriale della Piana.
Quella di Sant’Eufemia è la più importante, uno tra i nodi ferroviari fondamentali dell’intera regione e del meridione, mentre le altre tre sono piccole stazioni locali.

Ci sono QUATTRO OGGETTINSTABILI. Luoghi di arrivi e partenze che da decenni vanno avanti solo per inerzia! Strutture pressoché decadenti, in casi specifici fatiscenti.
I simboli del movimento urbano affidati a segni di staticità. Un altro paradosso!
Ci sono quattro STAZIONI IMPOSSIBILI che tracciano una prima linea nera, quella di un MOVIMENTO FERMO!
E poi ci sono altre STAZIONIMPOSSIBILI che disegnano una seconda linea nera senza confini. Sconfinante oltre il visibile.
C’è un binario della realtà ed uno dell’iperrealismo. Ci sono stazioni impossibili che aspettano di uscire dal sonno per essere protagoniste di viaggi di ricerca e sperimentazione. Per tracciare rotte mutanti… IMPOSSIBILI!

BINARI

Due linee nere per i binari da seguire. OGGETTINSTABILI – la manifestazione di arte contemporanea giunta alla seconda edizione dopo il grande successo di PontileLamezia Nuove Ipotesi – chiama a raccolta il mondo dell’arte a 360gradi, il mondo dell’architettura e del design per un’impresa ardua e oltremodo suggestiva: DISEGNARE IL MOVIMENTO.

Che forma ha il movimento?

I binari sono due ma si moltiplicano all’infinito, anche incrociandosi. Ciò che è visibile e quello che ancora non lo è. Lo stato delle cose e come potrebbero essere.
Ogni partecipante alla mostra>evento dovrà muoversi lungo questa direttrice “impossibile”: visibile>invisibile – fantasia>ragione- meraviglia>tangibilità.

OGGETTINSTABILI è una mostra di arte contemporanea quindi si tratta innanzitutto di un progetto che intende dare spazio alla ricerca ed alla sperimentazione… utilizzando la città di Lamezia Terme come laboratorio.
In tal caso i partecipanti alle diverse sezioni – Architettura, Design, Pittura, Scultura, Fotografia, Video, Installazioni, Street Art, Performance – dovranno operare cercando di coniugare il possibile>impossibile.

MOTI URBANI … moti lametini

L’intento è bellicoso: invasione di idee per rompere l’inerzia di una città. Moti nel senso di “movimenti” di idee, di pensiero, di creatività, d’arte, di utopie. Moti in quanto eventi rivoluzionari … sommosse culturali contro uno status quo deprimente. Moti contro il brutto che deturpa la salubrità estetica della città perché siamo convinti che “la bellezza salverà il mondo”. Quella celebre domanda che un personaggio dell’Idiota pone al principe Myskin, protagonista del romanzo di Dostoevskij implica una sfida: misurarsi con la Bellezza, riuscire a metabolizzarla significa avviare un processo di metamorfosi interiore per assurgere a qualcosa di alto!
Anche la nostra è una sfida …del resto, continuare a preservare uno stato di “inquinamento visivo” sarebbe come morire!!!

STRATEGIA D’INCURSIONE

Il principio è questo: un’intera città fotografata nel suo immobilismo attraverso oggettivi punti di criticità che POSSIBILMENTE dovranno essere RIMESSI IN MOTO. Quindi un primo assunto è il RISANAMENTO partendo dalle 4 stazioni, strutture da sempre lasciate al declino. E poi c’è tutto quello che ancora non c’è… Ci sono i binari dell’utopia attraverso cui si intenderà dare forma alla mobilità sociale attualmente inesistente. E dovrà essere comunque una mobilità – tra reale e impossibile, senza limiti – per un territorio frammentato, distante e sconosciuto ai suoi stessi abitanti.
Muovendosi lungo il fascinoso itinerario progettuale potranno incontrarsi interrogativi altrettanto suggestivi: che identità avranno queste stazioni? come potranno essere RISCATTATE? Il movimento muterà l’aspetto urbano della città: segnaletica, colori, arredo urbano… etc…

Ogni partecipante, in base alla sezione prescelta potrà quindi optare per l’interesse nei confronti dell’intero spazio urbano, dunque DISEGNANDO IL MOVIMENTO… o concentrare il suo sguardo solo sulle STAZIONIMPOSSIBILI partendo dai 4 OGGETTINSTABILI.
MOTI URBANI sarà una rivoluzione a tutti gli effetti perchè la città sarà osservata, ripensata  e scossa in ogni suo angolo con la creatività.

FRAMMENTI DI LINEA NERA – prospettiva mobilità

Le 4 stazioni – che rappresentano i 4 OGGETTINSTABILI  – identificano un MOVIMENTO FERMO, mentre come è noto in molte città italiane ed europee le stazioni sono divenute luoghi di eventi d’arte, spazi per incontri culturali, simboli eccellenti di fermenti culturali metropolitani, prevalentemente “aperti” alla vivacità artistica della street art. L’arte contemporanea si nutre di vita, tentando di interpretare il flusso in evolversi del presente.
L’arte contemporanea invade le strade, dalla strada assimila il cambiamento… In questo contesto di MOTI URBANI il senso si amplifica ulteriormente perché al torpore di un corpo immobile da troppo tempo (la città)… l’ARTE COME ESTREMA RATIO.

Nei pressi dell’area industriale di Lamezia Terme, a poche centinaia di metri dal mitico pontile ex Sir, (abbandonato da più di 30 anni ad una lenta agonia), ci sono “frammenti di linea nera”… Binari interrotti. Persi. Una traccia di “movimento smarrito” .
Altra ruggine…
Stazioni impossibili… oggettinstabili…

… Che forma ha il movimento?
Caterina Misuraca

Special thanx to: Roberto Falco


  • Eventi in moviemento

ISCRIVITI a POPact channel Gallery Events
Video Art
Interview
Trailer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...