IL JAZZ DI ROSSANA SPERA TRA DOLCEZZA E SENSUALITA’


jazz quartet - created by Roberto Falco

E’ da tempo che non si vedevano i sedili blue vellutati del Castello Orsini Colonna di Avezzano completamente occupati dalla platea; eppure quest’anno il programma concertistico dell’amministrazione comunale aveva proposto musicisti di caratura mondiale.

Per alcuni artisti, saliti sul palco la scorsa serata, tra cui l’artista POPact Rossana Spera e Davide Peluso c’era stata già unanimità di consensi quest’ estate a “On site Festival” direttamente da uno dei più importanti e talentuosi jazzisti viventi ovvero il clarinettista Bill Smith, con il quale Rossana aveva duettato durante il concerto dando spettacolo e incantando le circa seicento persone che popolarono l’esordiente Festival dell’informazione.
La differente atmosfera di ieri calata in una città invernale, uggiosa e perennemente anglosassone avrebbe accolto con una calda nebbia il numeroso pubblico che puntuale oltrepassava quello che un tempo fu un ponte levatoio. Si scorgevano soltanto 2 lumini a indicare l’entrata.
Rossana Spera è stata la Special Guest di un gruppo di rilevanza nazionale da Davide Peluso, Enrico Bracco ad Andrea Nunzi.

Dopo una prima fase senza la Voice i tre artisti hanno interpretato un jazz virtuoso, pulito e diretto toccando l’apice quando Rossana ha iniziato il suo repertorio con All of me, Stormy weather, Summertime Samba de uma nota so, l’intramontabile Immagine, The autumn leaves, White Christmas per finire con All Blues.
L’impegno, talvolta fisico, di Davide Peluso al contrabbasso, la tecnica perfezionista mista a timidezza apparente del chitarrista Enrico Bracco e la verve del batterista Andrea Nunzi, si sono fusi sistematicamente con quella dolcezza e sensualità che si era accorpata facendo trasfigurare Rossana nella personificazione della “dolce sensualità”.

Gli applausi continui degli spettatori attenti, sono diventati parte integrante del concerto: sembrava che il clapping si materializzasse come nuovo strumento musicale. Non si è visto alcuno alzarsi neanche per fumare quella solita sigaretta che in molti casi diventa, scusa e diversivo per giustificare sbadigli e spleen.

Il Concerto, anzi l’evento, è stato accompagnato dall’intervento dell’Associazione artistica POPact, che, oltre ad aver coadiuvato l’organizzazione nella divulgazione e comunicazione dell’evento, ha decontestualizzato il palco, Concept Artistico ad hoc con installazioni artistiche concettuali come una sedia senza sedile, posta al centro della sala, per spezzare una monotonia visuale apparente ai limiti di una sorta di nota stonata e diversa, e ancora: decine di scarpe sparse sul palco a disegnare sempre quel diverso, quel fuori moda , l’improvvisazione, i mille percorsi che l’uomo può seguire anche scalzo oppure il bit degli stessi piedi del pubblico che cercavano di ritmare le pause minima, semiminima, croma e via dicendo.Le scarpe rotte e piedi scalzi di popoli che hanno creato questo genere; scarpe che forse non hanno mai usato…

Infine POPact, ha inserito come “quinta supplementare” per romperre ulteriormente la simmetria visuale del palcoscenico, un ‘opera tratta dal ciclo Fusion.art di 2×1m dell’artista italo-americana Giuliana (ArtistG) raffigurante una purificazione contornata da frammenti di cd’s.
Si è notata tanta soddisfazione e forse consapevolezza, per un successo che solo i veggenti riescono a prevedere.

Questi artisti potrebbero concretamente essere per qualità, passione e impegno il paradigma su cui puntare e azzardare, anzi improvvisare un “Marsica Jazz Festival”. D’altronde se ci vuole il jazz a far riempire un Castello perché non scommetterci sopra?
Quello costruito ieri non è stata una struttura di carta, bensì una struttura dura come quella bianca pietra.

Fonte Articolo www.dimitriruggeri.com


3 thoughts on “IL JAZZ DI ROSSANA SPERA TRA DOLCEZZA E SENSUALITA’

  1. Postiamo queste impressioni tratte da una spettatrice

    da: bippy (09:26:10) :

    Tutto vero!C’ero anch’io, che ho preso un treno da Roma apposta per assistere dal vivo alla sensuale voce di Rossana Spera. L’atmosfera era veramente gradevole e informale, si sentiva il pubblico compatto nell’ascolto e nella gioia di assitere a una riunione di appassionati di jazz! La sensazione che mi è rimasta è che la trama della voce di Rossana è una trama che vorresti rincorrere ancora, per entrare nel suo mondo di artista e sentirsi avvolgere dalla sua dolce malinconia e passionalità; senza far rumore, in punta di piedi, e lasciare che evochi in te le movenze di una danza felice; di un sorriso interno che, come un frutto maturo, una volta ” gustato” ti donerà un energia piena di appagamento!

    fonte post http://www.dimitriruggeri.com

  2. Io sono una tua fan,e tu lo sai!c’ero anche io ed e’ stato emozionante! spero solo di risentirti il piu’ presto possibile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...